Marco G. Ferrari

Foto and Video

Home
La prima parte della produzione è legata alla produzione cinematografica, sono numerosi i cortometraggi da me realizzati, in particolare di ambito documentaristico/divulgativo, per vedere tutte le opere cliccate nel riquadro qui a destra.
Cortometraggi
Documentari
Docu-film
Spot
Fotografia

In principio era un set di LEGO. E i video, erano proprio parte di quel gioco. Tutta la passione fotografica e cinematografica nacque da qualche mattoncino che, combinato con altri andò a formare il primo studio per le riprese. Circa nel 2000 infatti, la LEGO produsse una confezione che conteneva al suo interno oltre ai classici “Bricks”, anche una telecamera e un programma per l’allora Windows 98, permettendo a milioni di ragazzi di dare vita alle storie che fino ad allora erano rimaste confinate tra le mura della cameretta. In allegato al prezioso set, vi era anche una guida alle riprese firmata da Steven Spielberg. Inutile dire che fu amore a prima vista, i pomeriggi dopo i compiti erano dedicati ai mille poliziotti, ladri, aeroplani, dinosauri che frame dopo frame andavano a comporre i primi cortometraggi targati FilmFerrari.

Negli anni successivi però gli interessi cambiarono, e i video di LEGO chiusero la prima parte di produzione, dando vita a un periodo in cui a scoprire qualcosa di interessante corrispondeva fare un video su quella cosa, nacquero così i primi documentari, che, seppur fatti magari anche di sole immagini, permisero di fare esperienza con i programmi di montaggio.

La scintilla però, scoccò durante l’esperienza dell’Estate Ragazzi del Bearzi, in cui arrivò la commissione del video finale del centro estivo. Con l’aiuto dei ragazzi/e più interessati/e iniziarono le riprese e, con un treppiede e una Canon Eos M, divennero pellicola gli istanti più emozionanti di quel mese passato all’insegna dell’animazione.

Il legame con il centro Salesiano rimase forte, e non fu un caso se i primi docu-film furono piccoli racconti sulla vita di don Bosco, fondatore della congregazione. La “don Bosco story” fu la prima serie di video realizzata dalla FilmFerrari, proprio mentre l’attrezzatura andava espandendosi, con l’acquisto di ulteriori microfoni, cavalletti e vari gadget.

Questo permise in poco tempo di arrivare alla realizzazione dei primi veri documentari, tra i quali il Sangue di Cristo, realizzato con l’aiuto della classe terza E per la partecipazione al Progetto E.L.I.A.S.. Durante le riprese si poté assaporare il vero spirito del cinema, tra risate, interpretazioni da oscar opposte a grossolani errori, i pomeriggi sul “set” passarono con il solo obiettivo di divertirsi insieme. Credo non sia una coincidenza se questo cortometraggio riscosse molto più successo di tutti i precedenti e partecipò, con attestato di merito al Cervignano Film Festival.

La produzione però non si fermò, andò avanti e anzi da questo momento in poi arrivarono sempre più numerose commissioni di video, tra i vari richiedenti anche il Comitato Tina Modotti per la realizzazione di un documentario sulla recente mostra dedicata alla fotografa friulana. Numerosi furono poi i video per il Liceo Scientifico Copernico in particolare con il circo del liceo. Ultimo lavoro è il documentario su palazzo Antonini a Udine, sempre realizzato con la terza E, che si è candidato al concorso “Adotta un Monumento” della fondazione Napoli 99.
In parallelo alla produzione cinematografica, è stata portata avanti quella fotografica, che, nel corso degli ultimi anni si è migliorata con il tempo. Sotto potete trovare la raccolta delle foto fatte nei miei viaggi e gli scatti realizzati durante le manifestazioni a cui ho preso parte.